Telecomunicazioni

I cookie utilizzati servono al corretto funzionamento del sito.

Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Telecomunicazioni


Persone

Maurizio di Bisceglie - Prof. Associato
Lilli Galdi - Prof. Associato
Silvia Liberata Ullo - Ricercatore
Pia Addabbo - Assegnista Post-dottorato
Tiziana Beltramonte - Assegnista Post-dottorato
Generoso Giangregorio - Assegnista Post-dottorato


Web


Attività

Stima della concentrazione di SO2 in atmosfera da dati satellitari

L’attività è dedicata allo sviluppo di nuove metodologie per la stima della concentrazione di gas traccia in atmosfera da dati satellitari iperspettrali nelle bande UV. La ricerca si basa su una tecnica di separazione “semi-blind” di forme d’onda che viene utilizzata per decomporre la radianza nelle sue componenti additive, assumendo che l’assorbimento molecolare da parte dell’atmosfera sia dovuto a contributi statisticamente indipendenti. La tecnica è stata validata mediante dati dal sensore OMI “Ozone Monitoring Instrument” .

Coregistrazione di immagini satellitari.

L’attività è dedicata allo sviluppo di nuove tecniche per la coregistrazione di immagini satellitari multitemporali. La registrazione locale utilizza l’informazione contenuta nell’immagine differenza, in particolare, il grado di regolarità della distribuzione statistica di tali valori valutato mediante l’entropia. E’ stato quindi utilizzato un modello di smoothing basato su diffusione e inpainting mediante equazione differenziale di Landau-Ginzburg basata sul principio che la direzione di applicazione dello smoothing deve essere ortogonale alla direzione di massima variazione dell’informazione. L’algoritmo proposto ha prodotto ottimi risultati, mostrando soprattutto l’ef?cacia del modello di distorsione e del principio della diffusione.

Rivelazione di anomalie termiche

L’attività è dedicata allo sviluppo di una tecnica di stima di anomalie termiche mediante processing di dati da sensori satellitari multispettrali in orbita polare (MODIS-Terra/ MODIS-Aqua) e geostazionaria (MSG-2). L’idea è quella di mantenere un’affidabilità costante delle decisioni (probabilità di falso allarme costante) attraverso una tecnica di stima adattativa dei parametri della distribuzione del background. La struttura del detector prevede che ciascun canale sia processato singolarmente e che i risultati del decisore siano combinati per ricavare la decisione finale sulla presenza di anomalie.

Analisi della superficie del mare mediante segnali di opportunità GPS

I segnali di radio-navigazione (GPS) riflessi dalla superficie terrestre possono essere utilizzati al fine di estrarre parametri geofisici riguardanti l’altimetria  oceanica, la direzione e velocità del vento e la quantità di biomassa. Il sistema, detto GNSS-R (Global Navigation Satellite System Reflectometry) è caratterizzato da un trasmettitore (il satellite GPS), un ricevitore in con?gurazione bistatica, da un punto che genera una ri?essione speculare in condizioni di mare piatto (punto speculare), e da una zona attorno ad esso che diffonde la potenza del segnale GPS trasmesso verso il ricevitore (detta glistening zone), la cui estensione dipende dal grado di rugosità del mare e dallo swell oceanico. L’attività di ricerca riguarda i seguenti problemi: 1) individuazione di un modello statistico-fisico per il segnale ricevuto; 2) individuazione di algoritmi di processing dei dati per l’analisi delle caratteristiche delle superfici osservate.

 

DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA

Piazza Roma, 21 - 82100 Benevento
Posta certificata: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

P.IVA e C.F. 01114010620
Cod. Univoco fatturazione elettronica: PR7LSJ